“Utilità” e “FAQ”

L’amministratore di sostegno

Chi è

L’amministratore di sostegno è una persona che affianca un’altra persona la cui capacità di agire risulti limitata  o del tutto compromessa. E’ quindi una forma di tutela di soggetti deboli, che è stata introdotta  da una legge dello stato che ha modificato il codice civile (legge n. 6 del 2004).

Cosa fa

L’amministratore di sostegno svolge, anche per un periodo limitato nel tempo,  attività volontaria e gratuita a favore di persone senza o con poca  autonomia nel compiere le attività della vita quotidiana. Diventare amministratore di sostegno di una persona fragile significa assumere l’impegno di aiutarla per migliorare la qualità della vita, svolgendo quegli adempimenti che altrimenti non potrebbero essere eseguiti dalla persona stessa.

Per chi

L’amministratore di sostegno svolge la propria attività per chi , affetto da una infermità ovvero una menomazione fisica o psichica, si trova nell’impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere in tutto o in parte all’espletamento delle funzioni  della vita quotidiana come anziani con patologie invalidanti, persone con disabilità, persone con dipendenze, persone con problemi psichici.

Che compiti ha

Può  avere il compito di assistenza, oppure di  sostituzione del beneficiario. I poteri vengono decisi dal giudice tutelare e descritti  in uno specifico documento chiamato decreto di nomina, questo per proteggere la persona beneficiaria, i suoi bisogni e rispettare le sue richieste nei limiti della tutela della persona stessa.

La nomina  riguarda :

  • gli atti che esso compirà in nome e per conto del beneficiario,
  • gli atti che il beneficiario può compiere solo con l’assistenza dell’amministratore di sostegno;
  • i limiti delle spese che l’amministratore può sostenere con le somme di cui il beneficiario ha disponibilità; i tempi entro i quali l’amministratore di sostegno deve relazionare al giudice circa l’attività svolta  e le condizione di vita personale e sociale del beneficiario.

Quanto dura

La durata dell’incarico può essere a tempo determinato o indeterminato ed è stabilito dal giudice tutelare in accordo con l’amministratore di sostegno ed il beneficiario.

Da chi viene segnalato

L’amministratore di sostegno è nominato con decreto del  giudice tutelare su richiesta presentata direttamente dal beneficiario stesso, da un suo coniuge o  convivente stabile, dai familiari, dal tutore, dal curatore, dal pubblico ministero, dai responsabili dei servizi sanitari e sociali.

Chi può farlo

La nomina del giudice tutelare può essere conferita a :

  • il coniuge (non separato) o convivente stabile
  • a familiari
  • ad altra persona idonea (volontario o avvocato)
  • ad associazioni e fondazioni (ci cui al titolo II del libro primo del codice civile)
  • ad operatori dei servizi purchè diversi da quelli che hanno eventualmente in carico la persona.

A cosa serve

Assistere, sostenere, rappresentare, con la minore limitazione possibile, chi per effetto di una infermità, non è in grado di farlo da solo.

L’amministratore di sostegno non deve essere un professionista in campo giuridico, sociale o amministrativo, ma una persona disponibile alla relazione, ad attivare opportuni servizi e reti di supporto e ad affiancare la persona nella gestione del patrimoni.

Come si fa

Attivare la richiesta

Il procedimento è semplice ed informale: si propone ricorso diretto al Tribunale e la nomina dell’amministratore è effettuata, infatti, entro sessanta giorni dalla richiesta, dal Giudice Tutelare del luogo di residenza o domicilio del beneficiario e la decisione viene assunta in contraddittorio, tenendo conto degli interessi della persona, dei suoi bisogni e delle sue richieste.

Il ricorso

E’ la richiesta di nomina dell’amministratore di sostegno attivata mediante presentazione di una domanda (ricorso) al Giudice Tutelare del luogo in cui il beneficiario ha la residenza o il domicilio.

Detto ricorso deve contenere, ai sensi dell’art. 407 c.c., le indicazioni relative a:

  • generalità del beneficiario;
  • dimora abituale del beneficiario;
  • ragioni per cui si richiede la nomina dell’amministratore di sostegno;
  • nominativo e domicilio, se conosciuti dal ricorrente, del coniuge del beneficiario, dei discendenti del beneficiario, degli ascendenti del beneficiario, dei fratelli del beneficiario, dei conviventi del beneficiario.

Più in generale il ricorso dovrà contenere tutte le indicazioni utili a fornire al Giudice Tutelare un quadro il più possibile completo della situazione del beneficiario, la sua «fotografia ». Le indicazioni dovranno riguardare: l’infermità o la menomazione fisica o psichica, le sue capacità, la sua situazione familiare, lavorativa, sociale, rispetto ai servizi, l’indicazione del possibile amministratore di sostegno e delle motivazioni alla base della possibile scelta, la spiegazione del perché della richiesta di nomina di amministratore di sostegno; l’indicazione il più possibile precisa degli atti che l’amministratore di sostegno dovrà andare a compiere insieme al beneficiario (quindi in assistenza del beneficiario) nonché degli atti che l’amministratore di sostegno dovrà andare a compiere al posto del beneficiario (e quindi in nome e per conto del beneficiario).

Quanto più il ricorso sarà formulato in modo puntuale e chiaro, quanto più il Giudice Tutelare riuscirà ad individuare subito quali ulteriori eventuali accertamenti attivare (esempio. Cosa chiedere ai servizi sociali e sanitari, cosa chiedere al beneficiario e ai suoi parenti, quali accertamenti patrimoniali effettuare, ecc.).

Riveste fondamentale importanza la parte del ricorso che spiega le ragioni per le quali si richiede la nomina dell’amministratore di sostegno: vanno infatti puntualmente descritte le condizioni, le esigenze nonché le necessità eventualmente urgenti del beneficiario.

Chi presenta il ricorso

Alcuni Tribunali ammettono la possibilità di presentare il ricorso anche senza l’assistenza tecnica di un legale. In tale caso, alcuni Giudici Tutelari hanno predisposto un modello di ricorso contenente tutti gli elementi essenziali per presentare una valida richiesta di nomina dell’amministratore di sostegno.

Documenti da allegare al ricorso:

  • Fotocopia della carta d’identità del ricorrente e del beneficiario.
  • Certificati medici specialistici attestanti il tipo di malattia da cui è affetto il beneficiario, rilasciati da struttura pubblica e ogni altro certificato o referto utile all’accoglimento del ricorso o perizia medico legale asseverata.
  • Documentazione relativa alle operazioni da compiere (Es. copie estratti conto bancari, copia libretto di pensione o mod. 201, copia rogiti notarili, ecc.).
  • Copia dell’ultima dichiarazione dei redditi presentata dal beneficiario (se tenuto a farlo).
  • Estratto dell’atto di nascita del beneficiario con le generalità dei genitori, ANCHE SE DECEDUTI, come richiesto dal Casellario Giudiziale (questo documento non è necessario se il beneficiario è ultra ottantenne).

// N.B. Qualora il beneficiario non possa comparire all’udienza fissata per essere esaminato dal Giudice Tutelare, occorre produrre certificato medico di INTRASPORTABILITA’ (rilasciato dalla struttura che ospita il beneficiario o da medico specialistico se il medesimo è domiciliato presso la propria abitazione). In mancanza di tale documento, il beneficiario si dovrà presentare in udienza.

Costi del procedimento

• si tratta di un procedimento esente dal pagamento del contributo unificato e dalle spese di registrazione degli atti

• al momento della presentazione del ricorso presso la cancelleria del Giudice tutelare occorre applicare una marca da bollo di importo pari ad euro 27,00

• le richieste di copie di atti relativi all’amministrazione di sostegno (esempio: verbale di giuramento dell’amministratore di sostegno, decreto di nomina dell’amministratore di sostegno, successive autorizzazioni, ecc…) si pagano, mentre solo in pochi tribunali le copie non si pagano.

Il decreto di nomina

Il decreto di nomina è il provvedimento immediatamente esecutivo con cui il giudice tutelare provvede a nominare l’amministratore di sostegno pronunciandosi sul ricorso di nomina di amministratore di sostegno depositato presso il suo Ufficio. Il decreto di nomina può essere modificato o integrato in qualsiasi momento dal giudice tutelare, sia su istanza di parte (e quindi su richiesta di parte) oppure d’ufficio (e quindi sulla base di un atto di impulso del giudice tutelare stesso).

Contenuti del decreto di nomina

Nel decreto di nomina sono riportate:

a) generalità della persona beneficiaria e dell’amministratore di sostegno;

b) durata dell’incarico, che può essere anche a tempo indeterminato;

c) oggetto dell’incarico e atti che l’amministratore di sostegno ha il potere di compiere in nome e per conto del beneficiario;

d) atti che il beneficiario può compiere solo con l’assistenza dell’amministratore di sostegno;

e) limiti, anche periodici, delle spese che l’amministratore di sostegno può sostenere con l’utilizzo delle somme di cui il beneficiario ha o può avere la disponibilità;

f) periodicità con cui l’amministratore di sostegno deve riferire al giudice circa l’attività svolta e le condizioni di vita personale e sociale del beneficiario.

Autorizzazioni e variazioni

La vita di un’amministrazione di sostegno può essere caratterizzata dalla necessità di richiedere al Giudice Tutelare delle autorizzazioni (a vendere o ad acquistare immobili, ad investire denaro in titoli, ad iniziare cause civili o penali, ad effettuare transazioni,…), delle udienze (cioè degli incontri di persona con il Giudice Tutelare), e più in generale dei confronti o dei consigli, al fine di definire particolari situazioni. Lo stesso tipo di richiesta può essere presentata, oltre che dall’amministratore di sostegno, anche dal beneficiario o dagli altri soggetti interessati. Ognuna di queste richieste è, tecnicamente, una vera e propria ISTANZA da presentare presso la cancelleria del Giudice Tutelare.

L'ABC per l'amministratore di sostegno

All’istanza vanno sempre allegati i documenti utili al Giudice Tutelare per potere provvedere a rilasciare o meno l’autorizzazione richiesta. Si precisa che le istanze che seguono hanno valore meramente esemplificativo e non si tratta di «modelli» proposti o comunque utilizzati dal Tribunale. Si riporta qui di seguito un esempio di istanza per richiedere l’autorizzazione all’esonero dalla redazione dell’inventario dei beni del beneficiario. La misura di protezione giuridica dell’amministrazione di sostegno non prevede, per l’amministratore di sostegno nominato, l’obbligo di redazione dell’inventario dei beni del beneficiario (nel caso dell’interdizione è, invece, obbligatoria la redazione dell’inventario dei beni del tutelato). Di frequente, tuttavia, il provvedimento di nomina dell’amministratore di sostegno contiene l’ordine all’amministratore di sostegno, di redigere l’inventario dei beni del beneficiario e talvolta, per la situazione patrimoniale del beneficiario e per l’ampia documentazione depositata agli atti, l’inventario stesso non risulta essere necessario. In tali casi può essere presentata un’istanza ai fini della richiesta di esonero dalla redazione dell’inventario dei beni.

FAQ

Per aprire l’amministrazione di sostegno per mio figlio devo rivolgermi ad un avvocato?

Dipende dal Tribunale e dal Giudice tutelare. La maggior parte dei Tribunali ammette la possibilità di presentare il ricorso anche senza  l’assistenza di un legale. E’ possibile quindi fare in autonomia. Consigliamo di informarsi presso la cancelleria della volontaria giurisdizione del vostro territorio o allo sportello informativo.

Chi può fare l’amministratore di sostegno?

Un parente, un amico, un cittadino volontario, il coniuge o il convivente, i genitori, i figli,un fratello o una sorella, una associazione o fondazione o gli operatori dei servizi purchè diversi da quelli che hanno eventualmente in carico la persona.

Chi può beneficiare dell’amministrazione di sostegno?

Una persona che per una infermità, menomazione fisica o psichica non può provvedere ai propri interessi.

L’amministratore di sostegno può essere pagato per le sue attività?

NO, l’amministratore di sostegno non può percepire alcun compenso per il proprio incarico che è gratuito ed in forma volontaria. In alcuni casi possono essere previsti dei rimborsi spesa o un equo indennizzo stabilito dal Giudice tutelare che non devono essere a nessun titolo considerati compensi.

A chi devo rivolgermi per l’amministratore di sostegno?

Al Tribunale del proprio territorio, agli sportelli informativi  o un avvocato. Nella provincia di Reggio Emilia sono presenti 4 sportelli:  presso il Tribunale (0522 510606), nel distretto di Scandiano (3286960861), nel distretto di Correggio (3283651778)  e nel distretto di Guastalla (3286932512).

Sono solo, la mia famiglia vive in un’altra città, posso scegliere il mio amministratore di sostegno fra i mie conoscenti?

SI, la legge (art. 406 c.c.) permette  di proporre il proprio amministratore di sostegno, o segnalare il nominativo per il futuro.

Un persona interdetta o inabilitata può avere un amministratore di sostegno?

L’amministrazione di sostegno è alternativa all’interdizione o all’inabilitazione pertanto se la persona che è già sottoposta al provvedimento di interdizione o di inabilitazione  si dovrà richiedere  la revoca di questo e successivamente presentare richiesta di nomina di amministratore di sostegno.

Si deve pagare per attivare la pratica di amministrazione di sostegno?

Si, ma le spese  possono variare e  dipendono da come si decide di procedere :

  • ci sono costi fissi di cancelleria per la registrazione degli atti;
  • si deve pagare una marca da bollo di 27€ per la presentazione del ricorso;
  • in alcuni Tribunali vengono richieste  copie di atti per i quali potrebbe essere necessario il pagamento;
  • se ci si rivolge ad un legale ci saranno i costi relativi al compenso che il professionista applicherà

Voglio fare volontariato e sono disponibile ad affiancare una persona sola ed in difficoltà. L’amministratore di sostegno rispecchia la mia disponibilità verso gli altri. Cosa devo fare?

È possibile segnalare la propria disponibilità alla Provincia che detiene gli elenchi delle persone disponibili a fare volontariato come amministratore di sostegno. Essendo un ruolo delicato e che richiede una conoscenza di base è consigliabile informarsi sui compiti e le mansioni dell’amministratore di sostegno ed eventualmente frequentare un corso di formazione. Gli elenchi dei volontari vengono trasmessi dalle Provincie ai Giudici Tutelari.

Sono l’ amministratore di sostegno di mia zia per il quale ho fatto il giuramento davanti al giudice ora posso ritirarmi?

SI, è possibile presentando la richiesta (istanza) al Giudice Tutelare. La richiesta dovrà essere adeguatamente e opportunamente motivata.

Possono esserci più amministratori di sostegno per la stessa persona ? Siamo genitori di una persona disabile possiamo essere nominati insieme amministratori di sostegno?

Non è la prassi comunemente utilizzata. Normalmente viene nominato uno dei due genitori. Ci sono stati però casi in cui il giudice tutelare ha effettuato una nomina doppia ( non sui genitori però) Si trattava di casi in cui  vi era la necessità di  avere un professionista (avvocato/commercialista) per la gestione amministrativa e patrimoniale della persona sottoposta ad amministrazione e contemporaneamente  sussisteva la necessità di una persona che si occupasse degli aspetti sanitari, assistenziali e relazionali del beneficiario.

E’ possibile chiedere l’amministrazione di sostegno per una persona minorenne?

Si, solo se riguarda un minore emancipato ed il decreto di nomina può essere emesso solo nell’ultimo anno della sua minore età e diventa esecutivo quanto la persona diventa maggiorenne ( art. 405 c.c).

SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE